prima pagina prima pagina prima pagina prima pagina prima pagina
   

4 giornalisti in cucina “mangiati” da
GUALTIERO MARCHESI
Giovedì 30 Marzo 2006, ore 20:00
Spazio Medagliani
Via Oslavia, 17, Milano

Quelli che
di Francesco Arrigoni



Quelli che scrivono di cibo e di vino perché hanno i figli da mantenere.
Quelli che di mestiere fanno il critico enogastronomico e se la tirano e non hanno ancora capito che operare a cuore aperto è un tantino più importante per l’umanità
Quelli che quando scrivono una critica, ti dicono che non puoi fargliela perché non sai cucinare.
Quelli che sanno cucinare e non sanno accettare la critica perché anche loro pensano che Barnard in fondo non ha inventato il raviolo aperto.
Quelli che criticano Gualtiero Marchesi, perché dicono che si mangia poco e male, e poi vanno a farsi e una pizza, ma non sanno che non è più in Bonvesin de la Riva.
Quelli che non sanno che Gualtiero non è nobile.
Quelli che se non hai le tre stelle, le tre forchette, le tre pentole, i tre cappelli non sei nessuno.
Quelli che se non sei sulle guide il vino non te lo danno, perché il loro è un prodotto di élite.
Quelli che non vendono il vino, ma un sogno e non sanno che fare il pusher è illegale.
Quelli che quando perdono una stella dicono che in fondo la Michelin è una guida come le altre e poi vanno a casa e picchiano i bambini, intesi come figli.
Quelli che come Gualtiero hanno sdoganato i cuochi dalle cucine, ma che forse prima era meglio fare una selezione.
Quelli che fanno i cuochi si mettano la giacca bianca sempre immacolata e quando vai al loro ristorante si piantano lì accanto e ti fanno due marroni, che non sono quelli glacée.
Quelli che ogni anno si fanno due o più treni di gomme nuove di marca francese ma non hanno ancora la stella Michelin.
Quelli che credono che nei ristoranti segnalati della Michelin, mentre sei a pranzo ti controllano la pressione degli pneumatici.
Quelli che al ristorante ci vanno per criticare i cessi e non lavorano all’ASL.
Quelli che fanno i cuochi protagonisti, ma i protagonisti li fanno in tv, e non alle cucine del loro ristorante.
Quelli che dimenticano che cuoco viene da cuocere e fanno di tutto tranne che cucinare.
Quelli che vanno al ristorante alla moda e spendono trecento euro a testa ridendo e scherzando e non sanno quello che stanno mangiando.
Quelli che vanno in pizzeria e spendono trenta euro per una margherita-di-cartone+birra+caffè e dicono che non è caro.
Quelli che lavorano per mangiare e quelli che per lavorare mangiano.
Quelli che fanno il caciucco modificato perché l’originale è buono ma grazie alle lische diventa un’arma letale.
Quelli lì….


GLI ALTRI AUTORI


NICOLA SILVESTRI
Tortino di pesci crudi in insalata

EMILIA PATRUNO
Pennette alla radicchionara alla maniera del primo raggio

MARINA MALVEZZI
Babà al rhum di Marina

   
 
   
 

via Mordini 35, 55100 Lucca t. 0583 050137 - email